T. +39 035 951198 info@valli-ambiente.it

Valli Gestioni Ambientali

ecopneus

Smaltimento Amianto (Eternit)

La produzione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto sono state messe al bando in Italia nel 1992.

Smaltimento Amianto (Eternit)

Diverse imprese specializzate nella bonifica si rivolgono a Valli Gestioni Ambientali per le operazioni di smaltimento di materiali contenenti amianto, in particolare l’eternit.

Tre sono i metodi di bonifica di siti inquinati da amianto individuati dal Decreto Ministeriale 6/9/94:

  • confinamento: installazione di una barriera a tenuta che separi l'amianto dalle aree occupate dell'edificio
  • incapsulamento: trattamento dell’amianto con prodotti che isolano la superficie
  • rimozione: è il procedimento più diffuso perché elimina definitivamente ogni potenziale fonte di esposizione e ogni necessità di attuare specifiche cautele per le attività che si svolgono nell’edificio, produce notevoli quantitativi di rifiuti pericolosi che devono essere correttamente smaltiti. In questo caso i materiali in amianto sono conferiti in discariche appositamente allestite.

L’impiego dell’amianto

La produzione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto (o asbesto) sono state messe al bando in Italia nel 1992.

A causa dei noti gravi effetti patogeni e della persistenza dell’esposizione ad amianto negli ambienti generali e di lavoro, lo Stato Italiano ha varato la Legge 27 marzo 1992, 257 con il fine di vietare l'estrazione, l'importazione, la lavorazione, l'utilizzazione, la commercializzazione, il trattamento e lo smaltimento, nel territorio nazionale, nonché l'esportazione dell'amianto e dei prodotti che lo contengono, regolamentandone il trattamento e lo smaltimento nel territorio nazionale.

Fino a quel momento la sua resistenza al calore, la particolare fibrosità, la facilità di reperimento ed il basso costo l’avevano reso un materiale diffusamente impiegato nella coibentazione degli edifici e dei mezzi di trasporto e come materiale da costruzione in edilizia.

L’Italia ne è stata fino alla fine degli anni ’80 il secondo maggiore produttore europeo, in particolare di amianto crisotilo dopo l’ex Unione Sovietica e il maggiore della Comunità Europea, nonché uno dei maggiori utilizzatori a livello industriale e civile.

È il caso dell’eternit, un composto fibro-cementizio utilizzato per fabbricare tegole, pavimenti, tubazioni, canne fumarie.

Valli Gestioni Ambientali, nel pieno rispetto delle procedure definite dalla normativa vigente in materia e garantendo l’estrema sicurezza di ogni operazione, si occupa del trasporto dell’amianto, dello stoccaggio presso i propri impianti autorizzati e del suo conferimento in discariche debitamente allestite per lo smaltimento di questo rifiuto.

Come conferire eternit al nostro impianto

  • Lastre di eternit: da conferire integre, trattate su entrambe le facce e sui sormonti con idoneo preparato incapsulante, impilate e debitamente avvolte con materiale plastico resistente e trasparente (l’eternit deve essere ben visibile dall’esterno), opportunamente sigillato con utilizzo di film trasparente e nastro adesivo idoneo per amianto, l’imballo deve essere integro e senza strappi. Le lastre così confezionate dovranno essere poste su bancali di misure standard (120 cm. di profondità) in buono stato di conservazione, il bancale deve essere libero ed esterno all’involucro dell’eternit. Le tute, le mascherine e altri materiali diversi dall’eternit dovranno essere conferiti separatamente.

 

  • Materiale frantumato: da trattare con idoneo preparato incapsulante e da confezionare in big bag ermetici omologati ONU, resistenti allo strappo.

Secondo disposizioni impartite dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali (Prot.n.1912/ALBO/PRES), prima del trasporto, su ogni pacco imbancalato e su ogni big bag, deve essere obbligatoriamente apposta l’etichetta “R” nera su fondo giallo. Inoltre sui colli stessi deve essere apposta l’etichetta “a” in stampatello minuscolo di colore bianco su fondo nero.

COMPILA IL FORM PER INVIARE LA TUA RICHIESTA
Rifiuto
Azienda
Referente
Classificazione
Caratteristiche
Stato fisico
Confezionamento

NEWS

Cos’è la Dichiarazione ambientale?
31 Luglio 2017
Qual è l’ impatto ambientale di una attività produttiva? A...
Classificazione rifiuti
7 Giugno 2017
Di fronte alle complesse componenti di cui sono spesso...
Lana di roccia: di che si tratta e come si smaltisce
15 Maggio 2017
Molte aziende usano le lane minerali per alcuni specifici...