Valli Gestioni Ambientali

ecopneus

Whistleblowing o segnalazione illeciti

NUOVA DISCIPLINA “WHISTLEBLOWING”

Con il Decreto Legislativo 10 marzo 2023, n. 24 (di seguito anche “Decreto”), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 marzo 2023, è stata recepita nell’ordinamento italiano la direttiva UE n. 2019/1937 riguardante "la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione” (cd. disciplina whistleblowing).

Il Decreto abroga e modifica la disciplina nazionale previgente, racchiudendo in un unico testo normativo - per il settore pubblico e per il settore privato - il regime di protezione dei soggetti che segnalano condotte illecite poste in essere in violazione non solo di disposizioni europee, ma anche nazionali, purché basate su fondati motivi e lesive dell’interesse pubblico o dell’integrità dell’ente, al fine di garantire il recepimento della direttiva senza arretrare nelle tutele già riconosciute nel nostro ordinamento.

Il quadro regolatorio di riferimento è stato infine completato con le Linee Guida ANAC (di seguito anche “LG ANAC”), adottate con delibera del 12 luglio 2023, recanti procedure per la presentazione e gestione delle segnalazioni esterne, nonché indicazioni e principi di cui enti pubblici e privati possono tener conto per i canali interni.

Tra le novità introdotte si trovano:

  • l’ampliamento del ventaglio dei soggetti che possono effettuare segnalazioni, che include non solo dipendenti, ma anche lavoratori autonomi, collaboratori, liberi professionisti, consulenti, fornitori, tirocinanti, volontari, azionisti e membri degli organi di controllo e vigilanza;
  • l’ampliamento degli illeciti che possono essere oggetto di segnalazione, che comprendono non solo illeciti di natura penale, civile e richiamati dal D. Lgs. n. 231/2001, ma anche illeciti in violazione del diritto dell'Unione Europea che ledono gli interessi finanziari dell'Unione, inclusa la violazione delle norme dell'UE sulla concorrenza, gli aiuti di Stato e le imposte sulle Società;
  • il rafforzamento del sistema di garanzie: viene infatti previsto, oltre al divieto di atti ritorsivi (adozione di provvedimenti punitivi o discriminazioni verso il segnalante a causa della sua segnalazione) e la garanzia della riservatezza per il segnalante, l’estensione di tali misure a tutela dei facilitatori (persone legate al segnalante nell'ambiente lavorativo) e l’introduzione, in parallelo al sistema disciplinare di cui al D. Lgs. n. 231/01, di specifiche sanzioni amministrative pecuniarie per gli enti che non rispettino le disposizioni del Decreto che potranno essere applicate dall’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione).

Il Decreto introduce, inoltre, un triplo sistema di segnalazione: uno interno nell’ambito degli enti pubblici o privati, uno esterno gestito dall’ANAC quando ricorrono le condizioni di cui all’articolo 6 del Decreto e la divulgazione pubblica quando ricorrono le condizioni di cui all’articolo 15 del medesimo.

La Società Valli Gestioni Ambientali S.r.l. ha istituito un proprio canale di segnalazione interna per la gestione delle segnalazioni Whistleblowing adottando un’infrastruttura applicativa progettata per garantire che le segnalazioni siano gestite in modo confidenziale e che solo le persone autorizzate abbiano accesso alle informazioni pertinenti. Vengono adottate misure di sicurezza avanzate, come la crittografia dei dati ed i controlli di accesso, per prevenire eventuali violazioni della riservatezza. In questo modo, sia i Segnalanti che le persone coinvolte nell'istruttoria possono operare in un ambiente sicuro e fidato durante tutto il processo di whistleblowing.

L’accesso alla piattaforma avviene al seguente link:

https://valli-ambiente.wb.teseoerm.com/#/.

Per i dettagli operativi relativi all’utilizzo della piattaforma, si rinvia al documento “Istruzioni operative per l’utilizzo della piattaforma Web Whistleblowing”, scaricabile dalla presente sezione.

SCARICA ORA

COMPILA IL FORM PER INVIARE LA TUA RICHIESTA
Rifiuto
Azienda
Referente
* Classificazione
* Caratteristiche
* Stato fisico
* Confezionamento
Mezzo di trasporto richiesto
Allegati

NEWS

28 Marzo 2024
In questo splendido inizio di primavera, mentre ci...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
mud 2023
21 Marzo 2024
Cosa è il mud Il MUD o Modello Unico di Dichiarazione...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
CSS Combustibile Solido secondario
23 Febbraio 2024
CSS Rifiuti: Innovazione nel Trattamento e Recupero...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >