T. +39 035 951198 info@valli-ambiente.it

Valli Gestioni Ambientali

ecopneus

Rifiuti industriali

Con l’espressione rifiuti industriali si designano comunemente i rifiuti speciali che non confluiscono nella categoria dei rifiuti urbani.

Rifiuti industriali

Con l’espressione rifiuti industriali si designano comunemente i rifiuti speciali che sono le “sostanze od oggetti di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o abbia l’obbligo di disfarsi”, che non confluiscono nella categoria dei rifiuti urbani.

La disciplina dei rifiuti in Italia venne regolata dal D.P.R. n. 915 del 10/09/1982, che oltre ad introdurre alcuni principi sulla definizione di sistemi tendenti alla limitazione della produzione di rifiuti, suddivideva i rifiuti in urbani, speciali, tossici e nocivi.

Nel febbraio 1997, il D.P.R. 915 fu abrogato dall’entrata in vigore del D. Lgs n. 22 (decreto Ronchi), che focalizzava l'attenzione sulla prevenzione e sulla riduzione della quantità e pericolosità dei rifiuti.

Nell'aprile del 2006 è entrato in vigore il D. Lgs. n. 152 (cosiddetto "testo unico ambientale") che ha modificato profondamente la normativa, introducendo numerose e importanti novità nella disciplina della valutazione d'impatto ambientale e della valutazione ambientale strategica, della difesa del suolo, della tutela delle acque dall'inquinamento e della gestione delle risorse idriche, del trattamento e della gestione dei rifiuti, della bonifica dei siti contaminati, dell'inquinamento.

Il "testo unico ambientale" (D. Lgs n. 152), a seconda delle caratteristiche di pericolosità, classifica i rifiuti speciali in pericolosi e non pericolosi.

I nostri servizi

Valli Gestioni Ambientali si occupa della raccolta, trasporto e conferimento presso i propri impianti o presso impianti convenzionati di rifiuti provenienti da insediamenti produttivi (industriali, artigianali, commerciali, agricoli) e da attività di servizio.

Presso i propri impianti, Valli Gestioni Ambientali è autorizzata a svolgere le seguenti attività su rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, prima che il rifiuto venga destinato presso impianti terzi, di recupero, riutilizzo o smaltimento:

  • Stoccaggio (messa in riserva e deposito preliminare)
  • Miscelazione, ricondizionamento e riconfezionamento
  • Cernita
  • Adeguamento volumetrico
  • Triturazione
  • Riciclo/Recupero

 

SCARICA ORA

COMPILA IL FORM PER INVIARE LA TUA RICHIESTA
Rifiuto
Azienda
Referente
Classificazione
Caratteristiche
Stato fisico
Confezionamento

NEWS

Whistleblowing e pneumatici
20 Novembre 2017
CambioPulito , è questo il nome della piattaforma promossa...
Perché il costo del ritiro rifiuti sta aumentando?
27 Ottobre 2017
Sono numerosi i produttori di rifiuti che in questi ultimi...
Cos’è la Dichiarazione ambientale?
31 Luglio 2017
Qual è l’ impatto ambientale di una attività produttiva? A...