Valli Gestioni Ambientali

ecopneus

EER

Il codice EER è un identificativo assegnato a ogni tipologia di rifiuto in base alla sua composizione e al processo da cui proviene. Per quanto riguarda i rifiuti pericolosi, la caratterizzazione risiede nell’origine dei rifiuti e nel contenuto di sostanze pericolose.

EER Elenco Europeo dei Rifiuti come leggere le specifiche 

Il nuovo EER (decisione 2014/955/UE) è in vigore dal 1 giugno 2015 e assegna a ogni tipologia di rifiuto una stringa numerica di sei cifre, così composta:

  • i primi due numeri (capitolo) sono rappresentativi del genere cui ricondurre la tipologia di rifiuto;
  • le cifre a seguire (sottocapitoli) sono ulteriori specificazioni della tipologia di rifiuto.

La precisa identificazione del rifiuto è fondamentale per le successive fasi di recupero e/o smaltimento.

Il codice EER è da riportare sul formulario di identificazione rifiuto e sul registro cronologico o registro di carico e scarico dei rifiuti.

I capitoli dell'Elenco dei Rifiuti - Allegato D alla Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006

01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali.

02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, preparazione e lavorazione di alimenti.

03 Rifiuti Speciali della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone.

04 Rifiuti Speciali della lavorazione di pelli e pellicce, e dell'industria tessile.

05 Rifiuti della raffinazione del petrolio, purificazione del gas naturale e trattamento pirolitico del carbone.

06 Rifiuti dei processi chimici inorganici.

07 Rifiuti dei processi chimici organici.

08 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti (pitture, vernici e smalti vetrati), adesivi, sigillanti e inchiostri per stampa.

09 Rifiuti dell'industria fotografica.

10 Rifiuti Speciali provenienti da processi termici.

11 Rifiuti prodotti dal trattamento chimico superficiale e dal rivestimento di metalli ed altri materiali; idrometallurgia non ferrosa.

12 Rifiuti prodotti dalla sagomatura e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica.

13 Rifiuti contenenti Oli esauriti e residui di combustibili liquidi (tranne oli commestibili ed oli di cui ai capitoli 05, 12 e 19).

14 Solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08).

15 Rifiuti di imballaggio; assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti).

16 Rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco.

17 Rifiuti dalle attività di costruzione e demolizione (compreso il terreno prelevato da siti contaminati.

18 Rifiuti prodotti dal settore sanitario e veterinario o da attività di ricerca collegate (tranne i rifiuti di cucina e di ristorazione non direttamente provenienti da trattamento terapeutico).

19 Rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua preparazione per uso industriale.

20 Rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata.

Scarica qui l’elenco dettagliato e completo dei codici EER.

NB: i rifiuti contrassegnati con un asterisco "*" sono rifiuti pericolosi ai sensi della direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti pericolosi.
 

SCARICA ORA

COMPILA IL FORM PER INVIARE LA TUA RICHIESTA
Rifiuto
Azienda
Referente
Allegati

NEWS

strategie riduzione rifiuti in ambito industriale
30 Maggio 2024
Nell'era della sostenibilità ambientale , la gestione e la...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
amianto sul tetto
6 Maggio 2024
Sentiamo spesso parlare di amianto ed eternit e quasi...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
discarica rifiuti industriali
15 Aprile 2024
Il trattamento e recupero rifiuti industriali rappresenta...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >