Valli Gestioni Ambientali

ecopneus

News
rifiuti RAEE
28 Agosto 2023

Smaltimento rifiuti RAEE: cosa sono e come funziona

Il termine RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) individua tutti gli oggetti, il cui funzionamento dipende dal collegamento alla rete elettrica oppure dall’alimentazione a pile e batterie, di cui ci si vuole disfare, ad esempio, perché non più funzionanti o obsoleti. 

Una definizione tecnica di RAEE è fornita dall’art. 4 lettera e) del D. Lgs. 49/2014, che rappresenta la normativa cardine in tema di RAEE a livello nazionale.

Questi rifiuti si distinguono tipicamente per la presenza del simbolo RAEE del “cassonetto barrato”, indicativo del fatto che il prodotto non deve essere smaltito come rifiuto non selezionato, ma inviato a strutture di raccolta separate per il recupero e il riciclaggio. 

Il marchio RAEE deve figurare su tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato dell'UE 5.

I RAEE sono suddivisi in due categorie principali, in base alla loro provenienza in:

  • RAEE provenienti da nuclei domestici, comprendenti anche i RAEE di origine industriale, commerciale o di altro tipo, analoghi, per natura e quantità, a quelli originati dai nuclei domestici; i RAEE domestici appartengono a loro volta, a cinque diversi raggruppamenti:
    • apparecchiature per lo scambio di temperatura con fluidi;
    • altri grandi bianchi;
    • TV e monitor;
    • IT e consumer electronics, apparecchi di illuminazione, PED e altro;
    • sorgenti luminose.
  • RAEE professionali, cioè i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche diversi da quelli provenienti dai nuclei domestici, che vengono ripartiti in cinque categorie:
    • categoria 1: apparecchiature per lo scambio di temperatura;
    • categoria 2: schermi e monitor;
    • categoria 4: apparecchiature di grandi dimensioni;
    • categoria 5: apparecchiature di piccole dimensioni;
    • categoria 6: piccole apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni.

 

RAEE in Italia: gestione e normative ambientali per uno smaltimento sicuro e sostenibile

 

I RAEE sono originati da tutti quei dispositivi/apparecchi di natura elettrica e/o elettronica che, una volta perduta la loro utilità perché danneggiati, inutilizzati o obsoleti, sono classificati come rifiuti e destinati al recupero e/o allo smaltimento separatamente secondo procedure particolari, ai sensi del Testo Unico Ambientale (TUA).

Il non corretto smaltimento dei RAEE può avere implicazioni sia ambientali sia sociali

Tra le sostanze nocive per l’ambiente e per la salute dell'uomo che possono essere presenti nei RAEE si annoverano, ad esempio, i clorofluorocarburi (CFC), gli idroclorofluorocarburi (HCFC) e i metalli pesanti, come il mercurio, il cadmio e il piombo

Se disperse nell’ambiente e non adeguatamente trattate o smaltite, queste sostanze possono contaminare l’aria, il suolo e il sottosuolo, penetrando nella falda acquifera, o generare effetti acuti o cronici sugli organismi viventi.

La raccolta e il trattamento dei RAEE da parte di operatori specializzati consentono di recuperare da questi rifiuti materie prime preziose, quali rame, ferro, acciaio, alluminio, plastica, vetro, argento, oro, altri metalli preziosi, ecc.

Il sistema RAEE in Italia è regolamentato dal D. Lgs. n. 49/2014 e dal  Testo Unico Ambientale (D.Lgs. n. 152/2006) e si basa su un modello multi-consortile regolato che coinvolge diversi attori, ciascuno con responsabilità specifiche. 

Il Centro di Coordinamento RAEE (CdC RAEE), ricopre un ruolo fondamentale all’interno del sistema RAEE, organizzando la raccolta, il ritiro e la gestione dei RAEE in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale. 

Recupero e riciclo dei RAEE

I RAEE includono una vasta gamma di dispositivi elettrici ed elettronici, dai piccoli elettrodomestici ai computer, dai cellulari ai televisori, dai frigoriferi ai condizionatori, ecc. Questi rifiuti sono eterogenei e possono contenere materiali diversi, tra cui plastica, metallo, vetro e sostanze pericolose come mercurio, piombo, cadmio, cromo, ecc.; pertanto, il processo di riciclo dei RAEE deve prevedere diversi passaggi:

  1. differenziazione: i RAEE vengono raccolti separatamente (per esempio presso centri di raccolta autorizzati)  e differenziati, ad esempio, per tipologia e/o dimensioni. Questo passaggio si rivela di fondamentale importanza per garantire che i materiali possano essere trattati in modo efficiente e sicuro;
  2. trattamento: i RAEE vengono trattati in impianti specializzati autorizzati, dove sono sottoposti a una serie di operazioni per garantire il corretto recupero e/o smaltimento, tra cui lo stoccaggio dei rifiuti, la bonifica per eliminare componenti pericolose, la triturazione per ridurre la pezzatura, la separazione dei materiali e il recupero dei materiali recuperabili;
  3. recupero/riciclo: i materiali recuperati vengono mantenuti separati e destinati a successivi impianti, ad esempio per la produzione di nuovi oggetti.

Raccolta, smaltimento e recupero RAEE presso Valli Gestioni Ambientali

La raccolta, la gestione e lo smaltimento/recupero dei rifiuti RAEE devono essere affidati a professionisti del settore con conoscenze e competenze specifiche, come Valli Gestioni Ambientali S.r.l.

Per prenotare un ritiro o per ricevere maggiori informazioni, invia una mail a info@valli-ambiente.it oppure contattaci al numero +39 035 951198.

NEWS

amianto sul tetto
6 Maggio 2024
Sentiamo spesso parlare di amianto ed eternit e quasi...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
discarica rifiuti industriali
15 Aprile 2024
Il trattamento e recupero rifiuti industriali rappresenta...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >
Impatto ambientale amianto: rischi e soluzioni
6 Aprile 2024
L 'amianto , un tempo materiale prediletto nelle industrie...
Come smaltire i DPI utilizzati nei luoghi di lavoro Scopri di più >